CHI E QUANTI SIAMO

 

 

HANDICAP

elaborazione dati al 31.12.2010 relativi ai soggetti conosciuti dai servizi. (Fonte profilo salute Versilia 2011)

 

2.248 persone con H CONOSCIUTE DALLA ASL12

1.089 con H GRAVE

1.716 con H MAGGIORENNI

305 con H SERVITE il 18% dei disabili maggiorenni

1.682 il 98% dei maggiorenni vivono in famiglia

1.411 il 72% persone con H grave maggiorenni NON HANNO SERVIZI

1.209 persone con H avevano un'età fra 40 e 60 anni

CIÒ SIGNIFICA CHE OGGI PIÙ DI

2.500 genitori di persone con H hanno un'età fra 60 e oltre 80 anni molti dei quali sono malati e invalidi essi stessi

a fronte della spesa di 3.070.250,00 per 305 disabili maggiorenni, il lavoro gratuito di assistenza e cura che le famiglie dei disabili maggiorenni garantiscono 365 giorni all'anno, 24 ore su 24, determina per la comunità un risparmio di 47.912.392,00

 

per la SALUTE MENTALE

 

i dati aggregati al 31.12.2009 forniti dalla Regione Toscana dicono che erano più di 6.000 le persone con disagio psichico con prevalenza delle età

fra 6 - 16 anni nella quale i più fragili erano i maschi

e 30 - 40 in cui sono le donne le più vulnerabili

 

stando a questi numeri, limitatamente a questi due settori oltre 10.000 FAMIGLIE

vivono in condizioni di disagio

 

se consideriamo ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI DIPENDENZE MINORI IMMIGRATI DISOCCUPATI

possiamo affermare che forse

NON C'È FAMIGLIA CHE NON SIA COINVOLTA IN QUALCHE FORMA DI SOFFERENZA

 

a fronte di tanto bisogno primario dal 1 gennaio 2013, l'ASL 12 ha

RIDOTTO DEL 60% le ore per l'ASSISTENZA SOCIALE

Ciò in pratica significa la destabilizzazione del sistema di protezione delle fasce deboli

per MIGLIAIA DI FAMIGLIE sarà impossibile accedere ai servizi

per TUTTI sarà più difficile fare richiesta

CHIEDIAMO

che cosa vi proponete di fare di fronte a tanto bisogno primario fin qui ignorato?

 

 

 

 
La/il caregiver familiare un'enorme risorsa

Volontariato intra familiare


I livelli di disoccupazione o atipicità contrattuale soprattutto femminile in Italia sono un indicatore statistico falsato nel mercato del lavoro in quanto appare evidente che, in una condizione di servizi sociali marginali e spesso scadenti, il supporto di cura ed assistenza è totalmente delegato al sostegno familiare.
Alla famiglia, ed in particolare alla famiglia che si cura di una persona con disabilità grave, si chiede di svolgere una complessità d’ incombenze che, se dovessero essere monetizzate con la medesima modalità di erogazione utilizzata dai servizi pubblici, richiederebbe un esborso eccezionale ed in continua crescita.
In effetti, soprattutto negli ultimi anni, si è assistito ad un costante incremento dei compensi monetari per i servizi pubblici che, forse non è nemmeno il caso di sottolineare, non è coinciso con l’aumento esponenziale ne' della qualità ne' della quantità dei servizi erogati. Di fatto il danaro della collettività si perde in rivoli molto poco chiari arrivando solo in minima parte ai soggetti fruitori e prioritario bersaglio degli stessi servizi pubblici.

 

 
consulenza sull'Amministrazione di Sostegno

 

L'A.P.S. Il Te.T.To....per noi ONLUS

offre agli associati i seguenti servizi:

- informazioni e orientamento sui servizi socio sanitari presenti sul territorio;

- ascolto e confronto sulle esperienze relative alla disabilità;

- accompagnamento negli incontri con gli operatori e i dirigenti socio sanitari.

- consulenza sull'Amministrazione di Sostegno*.

Assistenza per la presentazione dell'istanza per la nomina dell'A. di S..

* in collaborazione con la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del Tribunale di Lucca

Siamo  presenti  nel Comitato di Partecipazione della Società della Salute della Versilia. Partecipiamo a seminari e manifestazioni della ASL 12 degli enti locali e delle altre associazioni.

 

 

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 11